LA REVISIONE
AUTOVEICOLI
MOTOVEICOLI



 Aggiungi
questo sito ai tuoi Preferiti




Per ulteriori informazioni o chiarimenti scrivici!




Le pagine della Gazzetta Ufficiale sono pubblicate sul sito del Comune di Jesi (www.comune.jesi.an.it)





Ministero dei Trasporti


Nuovo Codice della Strada


Articolo 80 (revisioni)












































I controlli tecnici sugli autoveicoli da sottoporre a revisione

Le prove alle quali devono essere sottoposti gli autoveicoli in sede di revisione sono dettagliatamente elencate nell'Allegato II al Decreto 408/98 del Ministero dei Trasporti. In sintesi riguardano:

DISPOSITIVI DI FRENATURA (01)

Controllo freno di servizio (stato generale, efficienza, equilibratura), freno di soccorso, freno di stazionamento (stato meccanico, efficienza); usura di dischi e tasselli

STERZO (02)

Stato meccanico, gioco dello sterzo, fissaggio del sistema, tiranteria e snodi, idroguida/servosterzo, cuscinetti ruote

VISIBILITA' (03)

I cristalli, oltre che essere omologati e conformi, devono essere integri e privi di difetti (bolle), la visibilità non deve essere ostruita da adesivi o simili. I dispositivi di pulizia (spazzole, motorino lavavetro e tergicristallo) devono funzionare a dovere. I dispositivi antiappannamento (ventilazione interna e sbrinamento) devono funzionare.

IMPIANTO ELETTRICO (04)

Proiettori abbaglianti e anabbaglianti (omologazione, efficienza, commutazione, orientamento) luci di posizione, luci di arresto, indicatori di direzione, fendinebbia, luci targa, luci retromarcia, spie cruscotto

ASSI, RUOTE, PNEUMATICI, SOSPENSIONI (05)

Controllo assi, bracci, cerchi, molle, ammortizzatori, pneumatici (dimensioni, indice di carico, efficienza)

SCOCCA-TELAIO-CARROZZERIA (06)

Viene controllato lo stato generale e la conformità all'omologazione della carrozzeria, masse, fondi, serbatoio e tubi carburante, numero di sedili, gancio traino, impianti di alimentazione a G.P.L. o metano, porte e serrature, attacchi sospensioni, dispositivo paraincastro posteriore, corretto fissaggio della marmitta e di altre strutture applicate alla carrozzeria (tende parasole, portasci, ecc.)

EQUIPAGGIAMENTI (07)

Fissaggio sedili e volante; efficienza di contachilometri, avvisatore acustico, triangolo, fissaggio batteria, comandi elettrici e pedaliera, ruota di scorta, adattamenti per handicappati, cinture di sicurezza (per questi ultimi viene controllata anche l'omologazione)

EFFETTI NOCIVI (08)

Controllo del vano motore: trafilaggi, perdite e gocciolamenti di trasmissione (giunti omocinetici, cuffie, differenziale) e sistema di raffreddamento (radiatore, tubazioni); efficienza di silenziatore e catalizzatore/retrofit, controllo emissioni gas (sia a benzina che a gas, se presente) o fumi di scarico.

Si fa presente che, in seguito alla Circolare Prot. n. R.U. n. 67492 del 10/08/2010, come ribadito anche con Circolare Prot. R.U. n. 94959 del 26/11/2010, la prova fonometrica per la misurazione delle emissioni sonore allo scarico non è più obbligatoria ma eseguita a discrezione del Responsabile Tecnico che esegue la revisione del veicolo (resta l'obbligo per la misurazione dell'intensità sonora del clacson).

N. B.: Per questo tipo di problemi il veicolo deve essere
"Sospeso dalla circolazione"

IDENTIFICAZIONE VEICOLO (09)

numero di telaio (leggibilità) - targa (integrità, riflettenza) - tipo motore - documenti di circolazione ed eventuale documentazione integrativa - controlli complementari

Talvolta capita che si verifichino problemi all'atto del controllo del numero di telaio, per errori di trascrizione sulla Carta di Circolazione, per punzonature errate all'origine o per corrosione che rende illeggibili i numeri; le targhe, sia anteriore che posteriore, devono essere originali, integre e in grado di riflettere.

Per problemi di questo tipo la revisione non può essere effettuata. E' necessario:

  • ripunzonare il numero di telaio in caso di numero illeggibile per corrosione;
  • effettuare una correzione sulla Carta di Circolazione in caso di errori di trascrizione;
  • ritargare il veicolo (reimmatricolazione) in caso di targhe rotte, illeggibili o mancanti;
  • rinnovare licenza o autorizzazione per il trasporto di cose, attestazione ATP scaduta; collaudare serbatoi o cisterne scaduti (approfondimenti)

Questo tipo di operazioni può essere effettuato solo presso gli uffici della locale M.C.T.C.

SMARRIMENTO DELLE TARGHE: L’art. 100 comma I del Nuovo Codice della Strada prevede come obbligatorie per gli autoveicoli sia la targa posteriore che quella anteriore.
In caso di smarrimento o furto, effettuata la relativa denuncia entro 48 ore ai carabinieri, è consentita la circolazione con un pannello sostitutivo riportante la sequenza alfanumerica della targa smarrita al posto della stessa.

Entro 15 giorni dalla denuncia (previsti per l'eventualità che la targa venga ritrovata) occorre obbligatoriamente richiedere la reimmatricolazione del veicolo con nuove targhe e carta di circolazione (la targa restante e la carta di circolazione dovranno essere restituite all'ufficio della motorizzazione civile al momento della consegna delle nuove targhe e della nuova carta di circolazione).

Trascorsi 15 giorni senza che sia stata richiesta la nuova immatricolazione (circostanza dimostrabile conservando a bordo la ricevuta della pratica rilasciata dalla motorizzazione) ogni qual volta il veicolo è immesso in circolazione (quindi compresa la sosta in area pubblica) è violata la suddetta disposizione contenuta nel 1° comma dell'articolo 100 del codice della strada, per la quale è prevista una sanzione pecuniaria da 83,00 a 331,00 euro.

Per quanto riguarda la revisione periodica, essa può essere superata con esito positivo soltanto successivamente al ripristino della targa o almeno alla richiesta di reimmatricolazione (quindi con le nuove targhe installate e la domanda di reimmatricolazione regolarmente vidimata dall’ufficio della Motorizzazione).


I numeri fra parentesi indicano il codice dell'eventuale motivo di revisione "Ripetere" o "Sospesa".

Se l'esito della revisione è "Ripetere", il veicolo deve essere riparato e successivamente può essere utilizzato in attesa della nuova revisione con esito Regolare, da effettuarsi entro 30 giorni dalla precedente.

Se l'esito della revisione è "Sospesa", il veicolo deve essere ricondotto a velocità moderata presso il proprio domicilio e NON può circolare prima di essere riparato ed essere sottoposto nuovamente a revisione con esito Regolare.

N.B.: In caso di esito "Ripetere" o "Sospesa" la successiva revisione deve essere obbligatoriamente effettuata presso lo stesso Centro Revisioni o presso l'Ufficio della Motorizzazione (vedi Circolare Prot. R.U. 79298 del 11/08/2009, ultima parte).


           Torna su


Ricerca personalizzata
 



E' vietata, se non espressamente autorizzata, la riproduzione, anche parziale, di tutti i contenuti
Copyright © 2000-2017 Elena Bartolini - Note legali e Privacy